Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bimbo cade in parco giochi: colpa dei genitori

cavalloadondolo
Un genitore “che accompagna un bambino in un parco giochi deve avere ben presente i rischi che ciò comporta” e se si verifica una caduta non può invocare la responsabilità altrui per l’esistenza di una situazione di pericolo “che egli era tenuto doverosamente a calcolare”. Lo sottolinea la Cassazione, dando torto – in un contenzioso con un Comune – ai genitori di un bambino che ha riportato danni permanenti al volto per la caduta da un cavallo a dondolo in un parco a Fossacesia, in Abruzzo. Il bambino, che all’epoca aveva sei anni, era scivolato battendo il volto mentre giocava sorvegliato dalla madre. I genitori avevano fatto causa al Comune puntando sul nesso tra il gioco e l’incidente. Prima il tribunale, poi la Corte d’appello dell’Aquila avevano rilevato che le giostre era state installate da poco ed erano “pienamente conformi alla normativa” in tema di sicurezza. Anzi, secondo i giudici, l’incidente era da ricondursi all’insufficiente attenzione da parte della madre del piccolo. La Cassazione – sentenza 18167 della terza sezione civile – conferma la ricostruzione dei giudizio di merito. E spiega che, a meno che non risulti provato che le giostre fossero difettose e quindi di per sé pericolose, non può essere invocata la responsabilità di un terzo: l’utilizzo delle giostre – sottolinea la Corte – presuppone “una qualche vigilanza da parte degli adulti”.