Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Vigile cade con moto servizio e chiede i danni

vigili-urbani-roma-moto
Un vigile urbano di Brindisi si è rivolto al magistrato del lavoro chiedendo al Comune di cui è dipendente un risarcimento di 51mila euro per un incidente avvenuto mentre si trovava in servizio, in sella a una moto in dotazione al corpo, il cui pneumatico posteriore era, a suo dire, “irrigidito e cristallizzato e perciò privi di elasticità” e quindi non aveva aderito al manto stradale. I fatti risalgono al 2009, il poliziotto municipale si stava recando sul luogo di un sinistro stradale per effettuare gli accertamenti del caso. Ha presentato ricorso al Tribunale di Brindisi nel luglio 2014, il Comune ha deciso di resistere in giudizio sostenendo che la moto fosse stata sottoposta ”al programma di manutenzione” e che l’ultima verifica era stata effettuata nel luglio 2009
  • Glauco Gazzoli |

    Di norma, tutti i mezzi utilizzati in promiscuità e quindi con poca cura perché è troppo facile scaricare la responsabilità a… quelli prima di me…! andrebbero controllati prima del loro uso e segnalare l’eventuale problema riscontrato al responsabile che ha ordinato il servizio.
    Se è vero che nel 2009 – anno della revisione del veicolo e dell’incidente e se prima di quella data), è avvenuto l’incidente, si può provare a piantare la grana, ma non ritenendo di uscirne vincitore e ricco. Glauco.

  • Marco |

    Ma va a cagare!

  Post Precedente
Post Successivo