Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Vigilessa ruba, il giudice: no al reintegro

Un anno e mezzo di paga alla vigilessa licenziata dopo essere stata sorpresa a rubare. La storia, “emblematica degli effetti di quel che resta dell’ articolo 18” scrive oggi Il Secolo XIX, riportando la notizia, accade a Genova. Protagonista Elena T., vigile urbano, che ruba una borsetta in un locale del centro ma viene sorpresa dai vigilantes anche grazie alle telecamere di sorveglianza. “I suoi capi non fanno nulla – scrive Il Secolo XIX – la notizia esce sui giornali e improvvisamente scatta il pugno duro: ritiro dell’arma, sospensione, licenziamento”. La donna fa ricorso in tribunale e dimostra di avere problemi psicologici, “il giudice le crede e dice che la punizione era illegittima”. Lo stesso giudice ritiene però, in base alla legge Fornero, che “la riassunzione non sia giustificata” e che alla donna spetti “un indennizzo di un anno e mezzo di stipendio”.