Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Avvocati a caccia di clienti in carcere

carceri-sovraffollate
«Sono decine di migliaia le richieste di risarcimento danni da parte dei detenuti che a seguito della sentenza Torregiani per cui l’Europa ammonendo l’Italia ha costretto il governo a fare un provvedimento raffazzonato in cui viene previsto di pagare un risarcimento ai detenuti di 8 euro per i giorni trascorsi in carcere. Tutto ciò comporterà una spesa di decine, se non centinaia di milioni di euro per lo Stato italiano e un vero e proprio business per gli avvocati». E’ quanto denuncia in una nota Federico Pilagatti, segretario nazionale del Sappe, Sindacato autonomo polizia penitenziaria che propone: «Si impone al più presto una correzione con cui venga stabilita una tempistica prescrittiva per le richieste, nonché un provvedimento del giudice che prima di risarcire i detenuti deve verificare se lo stesso ha incombenze economiche di risarcimento del danno sia alle vittime o allo Stato».