Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ladro arrestato due volte in 24 ore

finestrino-rotto-2
Un ladro tunisino è stato arrestato due volte in meno di 24 ore a Milano. E per ironia della sorte è stato pizzicato dagli stessi agenti che lo avevano arrestato la volta precedente. L’uomo, di 20 anni, è infatti stato bloccato dall’equipaggio della Volante Venezia I turno venerdì sera, tra le 19 e le 24, in via Restelli, dopo aver rotto il finestrino di un’auto per rubarne il contenuto. Gli stessi agenti, tornati in servizio nel pomeriggio di ieri, dopo il riposo, lo hanno nuovamente sorpreso, questa volta in via Sammartini, sempre appena dopo aver rotto un vetro di una macchina parcheggiata e con un navigatore appena rubato nello zainetto. I due si sono subito accorti che si trattava della stessa persona. Ieri mattina è stato portato in Tribunale dove era stato convalidato l’arresto. Il giudice, quindi, ha deciso di rimettere l’uomo in libertà imponendogli l’obbligo di firma, cioè di recarsi periodicamente in commissariato per farsi presente. Il ragazzo non ha una dimora fissa e a suo carico risultano diversi precedenti di polizia.
  • arthemis |

    Bisognerebbe capire se il giudice, in un caso del genere, può applicare o meno una forma di carcerazione. Se il codice non lo prevedesse, non sarebbe ‘colpa’ del giudice…
    Qualcuno ha informazioni attendibili in proposito? Si potrebbe applicare una fattispecie per la carcerazione preventiva (fuga, inquinamento prove, reiterazione reato)?

  • Alberto |

    Eh già, rimpatriarli a noi fa proprio schifo. E chissà gli agenti con quale entusiasmo affronteranno ogni giorno il loro lavoro, vedendo che i loro sforzi sono del tutto vani per essere per di più presi in giro da chi sta sopra di loro (e pure dai criminali che arrestano).

  Post Precedente
Post Successivo