Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

23 anni di ingiustizia

resizerÈ stato assolto dopo 23 anni dall’arresto e ora chiede che gli venga riconosciuto un risarcimento per sei mesi di ingiusta detenzione subiti pari a 516mila euro. Il pregiudicato barese Pasquale Capriati, 54 anni, parente del boss di Bari Vecchia Antonio, fu arrestato il 25 novembre 1990 per tentata rapina, tentato omicidio, porto e detenzione di armi per fatti risalenti a 10 giorni prima. Capriati, all’epoca 30enne, è rimasto in carcere fino al 30 marzo 1991 e poi ai domiciliari per altri due mesi. Il processo è cominciato nel 1994. L’ uomo ha affrontato sei processi. Condannato in primo grado a 8 anni di reclusione e poi sottoposto ad un nuovo giudizio di primo grado perché la Corte di appello annullò la prima sentenza del Tribunale di Palmi. Seconda condanna a 6 anni confermata in secondo grado. Sentenza annullata con rinvio dalla Cassazione e nuovo processo di secondo grado conclusosi nel 2011 con un’assoluzione piena, divenuta irrevocabile nel febbraio 2013. Capriati, oggi attore e autore di canzoni neomelodiche con il nome d’arte di Lino Prati, attende l’udienza dinanzi alla Corte di Appello di Messina, fissata per il 18 marzo 2015, in cui si discuterà l’istanza di riparazione per ingiusta detenzione avanzata dal difensore, l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo. Guarda anche: http://www.gazzettadelsud.it/news/116665/Assolto-dopo-23-anni–chiede.html