Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Fisco mio non ti conosco

frosinoneUtilizzava una rete di società fittizie che emettevano, a favore della sua società, fatture per operazioni inesistenti per oltre un milione di euro. I proventi frodati al fisco servivano per l’acquisto di auto, barche, quote societarie e depositi bancari. E’ quanto ha accertato la Guardia di Finanza di Fiuggi con i carabinieri del Roni di Frosinone, nei confronti di una società fiuggina operante nel settore del commercio di autoveicoli e rappresentata da un trentenne residente a Fiuggi. Sequestrati beni immobili, numerose autovetture, quote societarie, depositi bancari in fase di quantificazione e una imbarcazione, il tutto per importo complessivo pari a circa 500mila euro. L’imprenditore fiuggino, in concorso con due soggetti di nazionalità greca, dovrà rispondere, davanti all’autorità giudiziaria di Frosinone, dei reati di frode fiscale e occultamento delle scritture contabili.