Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Brescia, due anni da maniaco poi l’assoluzione

chiaveviolino
E’ finita con l’assoluzione piena la vicenda giudiziaria di un maestro di musica di origini trentine, ma all’epoca dei fatti insegnate in una scuola sul Lago di Garda nel Bresciano, accusato nel marzo 2013 di violenza sessuale su minore. Oggi il Tribunale di Brescia lo ha assolto perché il fatto non sussiste. Il maestro era stato accusato da un allievo che accompagnava a casa dopo le lezioni e che aveva raccontato di essere stato costretto dall’insegnante ad avere rapporti sessuali. “Il mio assistito ha vissuto un incubo lungo un anno e mezzo perché è stato allontanato dalla scuola dove insegnava e ha avuto molto difficoltà, ha spiegato Nicola Canestrini, legale dell’insegnante. “Mi chiedo – ha aggiunto l’avvocato – come faccia lo Stato a non prevedere un risarcimento immediato”.