Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Reti mal posizionate, condannato progettista pista da sci

rete
E’ stato condannato ad un anno e otto mesi, pena sospesa, il progettista di una pista da sci nel vicentino sulla quale morì in seguito ad una caduta un ragazzino di 14 anni. Secondo il Giudice del tribunale di Vicenza, se le reti di protezione, previste dal progetto della pista, fossero state posizionate nel punto in cui il ragazzino, Marco Fontana, di Tonezza, uscì dal tracciato, questi avrebbe potuto salvarsi. L’incidente avvenne nel pomeriggio dell’8 gennaio 2011, complice la scarsa visibilità. Malgrado fosse un piccolo campione, il ragazzo uscì di pista e dopo un volo di alcuni metri finì contro una roccia, morendo all’istante. La sentenza ha stabilito un risarcimento di 310mila euro per i genitori e altri 250mila per i fratelli della vittima. Come responsabile civile era stata citata la società “Fiorentini Folgaria spa” che gestisce l’impianto.