Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Malato a intermittenza

il-malato-immaginario-alberto-sordi
Ammalato per la caserma dell’Aeronautica militare di Treviso, ma in piena forma per partecipare e vincere il campionato mondiale di mountain bike: così un maresciallo dopo essere stato rinviato a giudizio lo scorso anno è stato condannato dal Tribunale militare di Verona a 1 anno e 3 mesi di reclusione e rimozione dal grado, per simulazione di infermità e truffa. Pena sospesa Il sottufficiale in servizio presso il 3/o Reparto Manutenzione Velivoli di Treviso, aveva presentato a giugno del 2013 tre certificati medici per patologie che gli impedivano di andare al lavoro e, successivamente, aveva fornito all’autorità sanitaria militare che lo ha sottoposto a visita medica “una falsa versione sulle proprie condizioni di salute, – scrive il giudice – simulando un’infermità inesistente o più grave di quella realmente sofferta”. In particolare, sottoposto a luglio 2013 a controllo d’idoneità al servizio presso l’Infermeria del 51° Stormo di Istrana, si è presentato all’ufficiale medico mostrando una leggera zoppia, lamentando dolore alla gamba riferendo, che era programmato un intervento chirurgico alla vena safena per fine luglio e aggiungendo di non essere in grado di poter riprendere servizio,ottenendo, in tal modo, un ulteriore periodo di 15 giorni. Ma nel periodo di convalescenza ha partecipato a varie competizioni agonistiche di ciclismo, specialità Mountain Bike: alla “24 H della Serenissima” svoltasi a Barbarano Vicentino che prevedeva una durata di 6 ore di corsa e 142.8 km di percorso vincendo la gara; poi in Folgaria(Trento) per l’assegnazione della Coppa del Mondo di mountain bike, classificandosi primo nel titolo di Campione del mondo, categoria “Gentlemen”; e, infine, alla Coppa Colli Euganei arrivando terzo.