Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Potenza, truffatore prometteva assunzioni alla Fiat

Fiat-Freemont-Park-Avenue
Prometteva assunzioni in aziende importanti, come la Fiat Chrysler di Melfi, millantando rapporti di parentela con i responsabili di un’agenzia di somministrazione lavoro interinale ma era tutto falso. Riusciva così a spillare soldi a giovani operai e laureati in cerca di lavoro. E’ accusato di truffa aggravata e continuata un 62enne di Lavello, in provincia di Potenza, scoperto dalla Polizia della Questura di Potenza dopo le segnalazioni di alcune vittime che avevano scoperto il raggiro. L’uomo faceva balenare la possibilità di trovare un posto di lavoro, grazie alle sue conoscenze e parentele. Ingannava i giovani o i loro genitori, facendosi dare prima i documenti ed i soldi per le marche da bollo; poi passava alla richiesta di denaro, da 200 a 800 euro per ogni «pratica», con la scusa che servivano a «gratificare» i responsabili del personale delle varie società dove era promesso il posto di lavoro. Tutti gli interessati venivano poi chiamati da un uomo, da identificare, che avvisava dell’istruttoria in corso e dell’arrivo imminente di un telegramma fantasma. Più di uno ha capito di essere stato truffato. A seguito di denunce, la Polizia ha identificato il responsabile. A suo carico ci sono 24 procedimenti penali per altre truffe commesse nel territorio della provincia di Potenza. E’ stata perquisita l’abitazione e sono stati acquisiti documenti, fotocopie di carte di identità ed elenchi con nominativi ed importi di denaro, per diverse migliaia di euro in tutto.