Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne arabe, fuga degli uomini dalla poligamia

Poco denaro per pagare le spese del matrimonio e aspettative troppo alte da parte delle mogli. Sarebbero queste le ragioni del netto calo della poligamia e dell’impennata nel numero di matrimoni

burqua
“misyar” in Arabia Saudita. Si tratta di matrimoni conformi ai dettami dell’Islam, ma semplificati rispetto a quelli classici. La coppia rinuncia infatti all’obbligo di abitare nella stessa casa e la donna non ha diritto al mantenimento, ma neanche l’obbligo di provvedere alle faccende domestiche. Con il matrimonio semplificato, inoltre, lo sposo non ha obblighi nei confronti della moglie in caso di divorzio. Sultan al-Saleem, un funzionario addetto alla celebrazione di matrimoni, ha spiegato che il numero di divorzi nel paese è in forte crescita e per questo le coppie scelgono contratti leggeri, che non prevedono accordi prematrimoniali particolarmente gravosi. I divorzi dipendono anche dal fatto che spesso «i genitori forzano la figlia ad accettare un uomo contro la sua volontà – ha spiegato al-Saleem – Essere costretti a un matrimonio crea tensioni e infelicità nella coppia e quindi la situazione presto precipita».